Proprietà eupeptiche-digestive


Università degli Studi di Torino
DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE
SEZIONE DI CHIMICA 

Digestivo LAR-ICE: commenti alle analisi del profilo fitochimico effettuate presso il Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute dell’Università degli Studi di Torino, Sezione di Chimica.

Il prodotto “Digestivo LAR-ICE” è stato sottoposto ad analisi chimiche utili ad ottenere informazioni sul profilo fitochimico del preparato, per chiarirne le proprietà eupeptiche-digestive.

Le ricerche in tal senso sono state effettuate in quanto la letteratura scientifica è concorde nell’affermare la presenza nell’albero di larice di composti polisaccaridici (noti come arabinogalattani) dotati di proprietà tipiche della fibra alimentare e la famiglia di composti glicosidi polifenolici (flavonoidi) con proprietà eupeptiche-digestive.  

In particolare:

L’arabinogalattano:
È un polisaccaride dotato di azione prebiotica. Per prebiotico si intende la capacità di aumentare l’entità numerica delle popolazioni di Bifidobatteri e di Lattobacilli riducendo quella degli anaerobi, in particolare dei Clostridi e dei BacInoltre.
Questo fenomeno favorisce un miglioramento della funzionalità intestinale inoltre, queste fibre favoriscono la peristalsi intestinale e tendono a regolarizzare il tratto intestinale dell’alvo, agendo in questo in sinergia con la flora batterica intestinale.
Infine, queste fibre possono migliorare l’assetto lipidico in pazienti dislipidemici e possono anche ridurre il picco glicemico postprandiale, in particolare nei pazienti affetti da diabete mellito tipo II.
Data la sua composizione quali-quantitativa l’arabinogalattano è un rimedio adatto a favorire il benessere dell’intestino e delle cellule immunocompetenti che esso contiene e con esso quello dell’intero organismo, di cui il transito intestinale non è che un aspetto.
Questa indicazione si ricollega alle ricerche effettuate in questi ultimi anni, che hanno evidenziato come l’intestino sia un organo immunocompetente di primaria importanza, con un elevato contenuto di cellule immunocompetenti.

Polifenoli:
I polifenoli largamente presenti nel regno vegetale, ed anche nell’albero di larice, sono antiossidanti naturali e possono risultare utili nella prevenzione dell’ossidazione delle lipoproteine e nel reagire con i radicali liberi, eliminandoli. Sono accertati inoltre effetti biomedici positivi a livello cardiovascolare.

Flavonoidi:
I flavonoidi sono dei composti polifenolici metaboliti secondari delle piante. Sono principalmente idrosolubili. Questi nutrienti talvolta vengono raggruppati con la denominazione vitamina P.

CONCLUSIONI:

A seguito delle analisi condotte, il preparato Digestivo LAR-ICE presenta un profilo fitochimico  aderente a quello dell’albero di larice appena descritto, infatti esso si presenta ricco in derivati polifenolici (flavonoidi) glicosilati. Il composto più abbondante è un derivato dell’apigenina con due residui glucosidici (arabinosil-glucosil o arabinosil-galattosil) con struttura correlata all’arabinogalattosio. I polifenoli presenti, insieme ai derivati terpenici contribuiscono all’effetto digestivo eupeptico del prodotto. L’apigenina, nota anche per le sue proprietà antiossidanti è anche conosciuta ed apprezzata nelle più famose piante officinali note per l’effetto eupeptico digestivo.

Metodologia delle analisi svolte:

Cromatografia liquida (HPLC) con rilevatori a serie di fotodiodi (PDA) ed elettrospray-spettrometria di massa (ESI MS).

L’analisi del profilo fitochimico è stata effettuata via HPLC-UV-ESI FTMS tramite colonna cromografica RP-C18 (Phenomenex Luna PhenylHexyl 150 x 2.1, 3µm) utilizzando come analizzatore uno spettrometro di massa ad alta risoluzione ibrido, Thermo LTQ-Orbitrap.

La ionizzazione è stata effettuata tramite sorgente electrospray in modalità ioni positivi e negativi; la risoluzione di massa impostata a 30000.

L’identificazione dei componenti ha previsto il confronto con standard puri e la valutazione spettrale di massa ad alta risoluzione (<5 mmu, millimas units).

IL RESPONSABILE DELL’ANALISI
Prof. Claudio Medana