Le nostre montagne

Alta Val Chisone e la Val Troncea

Viviamo e lavoriamo in questi splendidi territori: sono proprio i boschi della Val Troncea e dell’Alta Val Chisone la nostra casa e il nostro ufficio. Il ciclo di produzione nasce da qui e dall’amore sconfinato per questo territorio.

Val Chisone e Parco Naturale della Val Troncea 

Il territorio della Alta Val Chisone e il Parco naturale della Val Troncea, situato nel cuore delle Alpi Cozie, si estende per una superficie di 3280 ettari occupando la testata del bacino del torrente Chisone, le cui sorgenti prendono origine dai Monti Barifreddo e Appenna; è delimitato per gran parte del suo perimetro da cime di tremila metri di altitudine tra le quali impera il Monte Albergian.

La vegetazione è costituita prevalentemente da boschi di larice talora in associazione con il pino cembro. 

ll sottobosco è caratterizzato da formazioni di ginepro, rododendro, mirtillo e ontano verde. Nel fondovalle sono presenti rare betulle e piante di pioppo tremolo.

Fin dal secolo XVII l’area è stata oggetto di sfruttamento e, con la costruzione della fortezza di Fenestrelle e delle gallerie alle Miniere del Beth, per le quali venne impiegato molto legname, si venne a creare un paesaggio caratteristico “a boschetti”.

La valle di fiori, l’incanto dei colori

Al di sopra delle foreste si apre il favoloso mondo dei fiori alpini, che hanno dato alla valle l’appellativo di Valle dei Fiori. La flora alpina è caratterizzata da più specie: stella alpina, viola calcarata, ranucolo dei Pirenei, il rododendro, il mirtillo blu, la soldanella, il salice reticolato, la genziana maggiore, il muschio fiorito, la viola del Moncenisio.

La fauna, tipicamente rappresentata dal camoscio, è costituita da numerose specie come il cinghiale, lo stambecco, il capriolo, il cervo, la marmotta, l’arvicola delle nevi, il topo quercino, il lupo, la volpe e l’ermellino.

Tra gli uccelli l’aquila reale, il falco pellegrino, il gheppio, la civetta capogrosso, la nocciolaia, la pernice bianca, il picchio rosso maggiore, il merlo acquaiolo, il picchio muraiolo, il rampichino alpestre, la ballerina bianca e il crociere.

Paesaggi incontaminati dell’alta Val Chisone, luoghi che sottolineano e confermano le caratteristiche di naturalità e artigianalità del nostro digestivo .